Interviste

Intervista a Simona Poletti, Partner di ErgoSum

Buongiorno Simona Poletti, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GHRSummit22. Avete già preso parte a una o più delle precedenti edizioni?

È la prima volta che partecipiamo e siamo felici di esserci!

Quelli del cosiddetto “smart working” e del lavoro agile sono temi delicati e ancora da esplorare. In particolare il lavoro da remoto è stato in molti modi frainteso, durante la Pandemia, ma affinché queste opportunità decollino davvero occorrono competenze, tecnologie e visione. Cosa manca in questo Paese per andare nella direzione giusta?

Il periodo pandemico e di lockdown ha accelerato il processo di diffusione dello Smart Working semplificando gli obblighi legali per implementarlo e promuovendo l’utilizzo delle tecnologie digitali. Sembrerebbe, quindi non mancare nulla!

Quello che però dal nostro osservatorio va ancora sostenuta è l’abilitazione di un nuovo mindset. Avere la tecnologia e la competenza tecnica per farla funzionare non significa anche saperla utilizzare al meglio e nel pieno delle sue potenzialità. Ricordate la storia dell’avere una Ferrari e guidarla come se fosse una Cinquecento? Ecco! Oggi le persone e i loro manager vanno ancora accompagnati in un processo che valorizzi le esperienze fatte e consolidi una cultura organizzativa veramente SMART. Dobbiamo imparare a gestire in maniera consapevole la permeabilità che c’è tra reale e virtuale puntando su quanto di autenticamente umano c’è anche nel digitale: la creazione di connessioni e relazioni human to human per integrare le conoscenze e sostenere il raggiungimento degli obiettivi e dei risultati con un solo click!

Quali sono secondo voi i trend e le tematiche su cui si evolverà il settore HR nei prossimi 5 anni? Quanto influirà l’esperienza pandemica sull’agenda che il vostro mercato stava portando avanti prima dell’avvento della Pandemia e delle restrizioni che ne sono scaturite?

Il fenomeno della Great Resignation sta portando alla luce la necessità di ripensare l’Employee Experience, a partire dalla comunicazione e condivisione dei valori organizzativi, per alimentare l’engagment e il senso di appartenenza e di soddisfazione ricavato dal lavoro dei propri collaboratori. Mettere autenticamente la persona la centro sarà la vera sfida dell’HR e dei Manager dei prossimi mesi.

Connesso a questo tema c’è quindi quello dell’Hybrid Work che spingerà la riflessione a sfidare la tecnologia per “scaldarla” con l’elemento umano ripensando i processi di onboarding, di formazione, di collaborazione, e del modo stesso di fare business.

Rimane aperto il tema della Diversity e Inclusion per promuovere e valorizzare la differenza dei talenti e renderli disponibili in uno scambio proficuo e reciproco che faccia al contempo crescere ciascuno e tutta l’organizzazione insieme.

HR e gender equality: come dovrebbero le aziende affrontare questo tema e quali innovazioni e buone pratiche dovrebbero mettere in campo?

Non crediamo in una ricetta unica e che valga per tutte le aziende e tutte le situazioni. Promuoviamo la creazione di una ricetta originale e specifica per ogni contesto organizzativo e lavoriamo al fianco dei nostri clienti per realizzarla. Consapevolizzare quali sono i bias che si attivano nel modello culturale dell’organizzazione è sicuramente il primo passo per promuovere la gender equality. Il secondo è trovare azioni alternative e costruire dei nuovi punti di vista che promuovano l’inclusione. Sicuramente ci vuole un forte commitment perché il cambiamento culturale avvenga.

Ci sono delle novità che presenterete al #GHRSummit22 o un prodotto o servizio che metterete in qualche modo in evidenza o di cui volete accennare in queste righe?

Facciamo ricerca anche a livello internazionale e quest’anno presentiamo un tool di cui siamo esclusivisti, in Italia: I Gaminar.

Non solo Game, non solo Webinar, i Gaminar sono una modalità di apprendimento unica che trasforma un webinar in un’esperienza interattiva, pragmatica e coinvolgente rispetto ai focus formativi definiti

Lavorando in squadra i partecipanti apprendono in maniera seria e leggera insieme diventando l’uno per l’altro un’occasione di riflessione, condivisione e apprendimento.

Non si tratta di una formazione e-learning da svolgersi in modalità autonoma, ma di un’attività esperienziale digitale sincrona al 100% guidate da un facilitatore certificato e… al 100% divertenti- sia che si tratti di raggiungere l’isola del tesoro o trovare quanti più diamanti possibile o…. venite a trovarci per conoscere le altre sfide!

Simona Poletti di ErgoSum
6° Global Summit Human Resources
19 | 20 OTTOBRE 2022
ACCEDI QUI se sei registrato o ISCRIVITI