hr cafè

Lavorare sull’intelligenza emotiva

Comunicato di 300GRAMMI S.r.l.

Dalle ultime ricerche nel campo delle neuroscienze è stato provato che per raggiungere cambiamenti durevoli nel tempo, occorre prendere atto che è necessario lavorare sul potenziale emozionale individuale.

È questo il focus di 300GRAMMI, non (ancora) un’azienda, ma un network nato nel 2015 dall’incontro di cinque professioniste che condividono la passione e il desiderio di contribuire alla crescita e all’evoluzione di persone e aziende, generando un ‘battito diverso’.

Accanto al coaching, fra i trend del momento, Francesca Chiara, Consulente, Formatore e Coach di 300GRAMMI, individua gli interventi di outdoor training: “A differenza delle realtà in cui l’outdoor si sta diffondendo per effetto moda, con poca rigorosità metodologica, noi ci atteniamo a un modello particolarmente strutturato, che fa parte della linea di intervento promossa dall’Istituto Europeo Neurosistemica (IEN), dal nome Outdoor Management Training©“.

Questo approccio pone particolare enfasi sulle fasi di osservazione, di elaborazione delle dinamiche di gruppo, di rielaborazione e di follow up. “La logica che sottende è infatti che sia necessario far maturare un grado di consapevolezza della necessità del cambiamento fra gli attori coinvolti, dal momento che non può essere imposto“, dice la Formatrice di 300GRAMMI. “La rielaborazione e il follow up si sviluppano su tre dimensioni: prima di tutto si considerano i dati osservati dall’esterno, si mettono poi in relazione con quanto emerso da ciascuno a titolo personale e infine l’ultima fase consiste nell’identificare un piano individuale di sviluppo delle competenze, ovvero capire quali sono gli aspetti di sé sui quali focalizzarsi per ottenere il cambiamento desiderato“, prosegue.

L’orientamento complessivo non è quindi rivolto al semplice team building, bensì alla costruzione di una serie di esperienze finalizzate a ragionare su competenze trasversali specifiche, preventivamente messe a fuoco. “Un altro aspetto sul quale stiamo investendo molto è il cambiamento, in particolare per quanto riguarda l’affiancamento nelle trasformazioni di strutture e strategie organizzative, indissolubilmente legati alla componente culturale“, spiega la Consulente di 300Grammi.

Il punto di riferimento è rappresentato dal modello di Richard Barrett, che sostiene la necessità di costruire una ‘coscienza a tutto spettro’, cioè un’organizzazione con valori e visioni ben definiti e che si incentri su aspetti come lo sviluppo della leadership, l’autorealizzazione dei dipendenti e la cura dei clienti. “In quest’ottica è fondamentale individuare quali sono i valori delle persone all’interno dell’azienda, quelli percepiti e quelli attesi a seguito della trasformazione. “L’obiettivo parte dal presupposto che possano essere rilevati elementi di discrepanza e si pone l’obiettivo di creare un allineamento di valori, per costituire terreno fertile rispetto al cambiamento”, conclude la Coach di 300GRAMMI.

Fonte: Persone & Conoscenze n. 119 – Speciale “Fra competenze e componenti umane. I trend della formazione manageriale”, di Veronica Pastaro.

comunicati

3° Global Summit Human Resources

16 e 17 ottobre 2019

ISCRIVITI

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto Accetto. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi