hr cafè

Gestire il personale: oggi è domani

Di Martina Gianecchini*

Per le organizzazioni e per i professionisti dell’HR è fondamentale riflettere sui trend in ambito risorse umane e sulle modalità con cui aziende ed enti di formazione possono rimanere al passo con questi cambiamenti. CUOA Business School ha una consolidata esperienza nella progettazione e realizzazione di attività formative in ambito Human Resources.

In particolare, lavorando a stretto contatto con aziende e professionisti del settore, abbiamo individuato tre “tensioni” che richiedono la capacità di gestire altrettanti equilibri:

  1. Equilibrio uomo/tecnologia: un’indagine di gennaio 2019 di un sito di reclutamento ha mappato oltre cento società nel mercato dell’HR Tech in Italia e per ciascuna attività di gestione del personale vi sono numerose app specifiche. A fronte di questo scenario, viene da chiedersi: siamo forse nel mezzo di una “bolla” tecnologica? Cosa rimarrà di tutto questo? L’equilibrio richiesto per la gestione di questa tensione riguarda la necessità di consolidare gli strumenti tecnologici usati in azienda e capire quale sia il loro ruolo – e quello delle persone – nei processi di gestione HR
  2. Equilibrio individuo/gruppo: tutti i modelli organizzativi di recente teorizzazione (es. holacracy, teal organization) affermano la centralità dell’individuo allo stesso tempo valorizzando il suo ruolo come componente di un gruppo. Gestire questo equilibrio significa riconoscere le comunità aziendali e la loro importanza per dare un senso all’esperienza professionale e personale della persona. Queste comunità non sono necessariamente stabili e non corrispondono all’organico aziendale: esse infatti potrebbero essere gruppi di lavoro temporanei, gruppi informali che si aggregano intorno a un interesse personale, gruppi di progetto che coinvolgono clienti e fornitori
  3. Equilibrio locale/globale: tecnologia ed evoluzioni sociali rendono più semplici due fenomeni apparentemente opposti: la mobilità fisica e la possibilità di collaborare da remoto senza spostarsi. I confini del mercato del lavoro si stanno di conseguenza allargando: aree del mondo e segmenti professionali finora scarsamente accessibili sono a disposizione dell’azienda, indipendentemente dalla sua dimensione e dall’estensione geografica del suo mercato. La gestione del personale si trova a dover bilanciare questa tensione, governando – anche attraverso strumenti tecnologici – l’integrazione lavorativa di persone provenienti da contesti sociali e culturali potenzialmente molto diversi.

*Professoressa Associata di Gestione delle Risorse Umane all’Università di Padova e referente scientifica dell’>Executive Master in Human Resource Management – CUOA Business School

comunicati

3° Global Summit Human Resources

16 e 17 ottobre 2019

ISCRIVITI

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto Accetto. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi