Interviste

Intervista a Luca Catellani, CEO di Lovemark

Buongiorno Luca Catellani, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GHRSummit21. Avete già preso parte a una o più delle tre precedenti edizioni?
Buongiorno e grazie dell’opportunità. Questa per noi di Lovemark è la prima esperienza al GHRSummit; abbiamo frequentato più volte il Global Summit Marketing & Digital, ma negli ultimi anni ci è ancora più chiaro come le tematiche che affrontiamo ogni giorno lavorando nel digital marketing possano intrecciarsi perfettamente ed efficacemente con l’ambito delle risorse umane e siamo intenzionati a condividere questo grande interesse.

Cosa vi aspettate da questo evento? Con quale spirito vi apprestate a prendervi parte?
La condivisione e lo scambio fanno indubbiamente parte delle nostre aspettative, speriamo di conoscere aziende, fare network per lavorare insieme a progetti futuri. Infatti, è la proattività che guida questa nostra partecipazione: sicuramente idee e tecnica non ci mancano, le sfide ci piacciono molto e siamo curiosi di sondare nuove prospettive.

Ci sono delle novità che presenterete al #GHRSummit21 o un prodotto o servizio che metterete in qualche modo in evidenza o di cui volete accennare in queste righe?
Come dicevamo, c’è molto del digital marketing che può intrecciarsi con l’ambito HR: in particolare come Lovemark abbiamo lavorato con diverse aziende, appartenenti anche a settori molto diversi, per supportarle nella propria comunicazione interna, nella ricerca di talenti, nella creazione di eventi digitali, guidandole attraverso canali diversi e dedicati (sui social primo fra tutti LinkedIn, con cui abbiamo contatti diretti che ci permettono di lavorare con grande sinergia anche tra differenti piattaforme).
Quindi, ciò che ci preme mettere in luce è il nostro lavoro sull’employer branding & advocacy, aspetti fondamentali per le aziende perché permettono di creare, valorizzare e mantenere la propria reputazione aziendale, migliorando il clima interno – che vede i dipendenti diventare veri e propri ambassador – e la percezione esterna – che passa dalla Talent Acquisition alla propria Employer Value Proposition.

Perché un visitatore del #GHRSummit21 dovrebbe sedersi al vostro tavolo? Quali strumenti e/o quali strategie potete offrire ad un’azienda che si rivolga a voi in questo ambito?
Sedersi al nostro tavolo significa innanzitutto conoscere una realtà dinamica ma profondamente professionale, aggiornata e flessibile. Questa struttura, insieme alla creazione di team forti e attenti, ci permette di supportare le aziende nella definizione di quella Employer Value Proposition che citavo prima. Grazie a un metodo studiato e perfezionato nel corso del tempo, offriamo un servizio di analisi interna all’impresa, basato sull’ascolto di cluster segmentati sulle funzioni aziendali che ci permettono di fotografare – attraverso parametri e indicatori specifici, con survey interne ed esterne e focus group – la percezione attuale del luogo di lavoro, per definire poi swot analysis ed EVP.
Non vediamo l’ora di accogliere al nostro tavolo aziende con propensione al miglioramento e al futuro, proprio come noi.

Grazie per averci concesso questa intervista, ci vediamo al Global Summit.

Luca Catellani di Lovemark
6° Global Summit Human Resources
19 | 20 OTTOBRE 2022
ACCEDI QUI se sei registrato o ISCRIVITI