Interviste

Intervista ad Alessia De Albertis, People&Culture Director di FAR Networks

Buongiorno Alessia De Albertis, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GHRSummit21. Avete già preso parte a una o più delle tre precedenti edizioni
Grazie a voi per l’opportunità, per FAR Networks è la prima occasione di partecipare al Summit.

Cosa vi aspettate da questo evento? Con quale spirito vi apprestate a prendervi parte?
Ci aspettiamo di fare nuove conoscenze e stringere relazioni professionali e con spirito aperto e di ascolto ci mettiamo a disposizione degli interlocutori che incontreremo. E soprattutto ci aspettiamo di condividere ed imparare dalle esperienze di altre aziende e colleghi e colleghe HR che affrontano sfide comuni.

Smart working: durante il lockdown abbiamo chiamato in questo modo anche i più semplici esperimenti (peraltro forzati) di remote working. Cosa manca alle aziende italiane per essere davvero smart e portare a regime (anche in modalità mista) le esperienze maturate in quel difficile periodo?
La cultura del lavorare in modo smart che, come giustamente dici non è remote oppure home working. Cultura significa creare il contesto e il mindset, affinché le persone lavorino per obiettivi, con autonomia e responsabilità. Smart working è collaborare con colleghi/e e tutti gli stakeholder in modo semplice dove la fiducia è alla base della relazione. Questo significa condividere responsabilità con tutte le persone del team, e non solo con i Manager, all’insegna di una autentica cooperazione.
Questi concetti si devono declinare in processi e comportamenti organizzativi, e nelle aziende spesso mancano le indicazioni che definiscono le modalità di collaborazione sia dall’ufficio che da remoto. Avere flussi procedurali che tengono in considerazione le esigenze delle persone e quelle dell’azienda in termini di life balance e produttività sono oggi gli elementi fondamentali per una ripresa delle attività di business.
A garanzia di queste condizioni la tecnologia mette in campo molteplici soluzioni in ambiti differenti, dagli strumenti di collaboration, di security e automazione.

Ci sono delle novità che presenterete al #GHRSummit21 o un prodotto o servizio che metterete in qualche modo in evidenza o di cui volete accennare in queste righe?
Il lavoro è collaborazione e piacere di condividere obiettivi, progetti, contenuti ed emozioni. Le soluzioni avanzate di videoconferenza Logitech consentono al Team di organizzare o partecipare a meeting, condividere file, schermate e bozze in maniera semplice ed intuitiva. Gli strumenti tecnologici creano così un ambiente di lavoro coinvolgente anche se le persone sono in luoghi diversi e in fusi orari diversi. Vieni a trovarci per verificare la qualità audio video delle nostre tecnologie.

Perché un visitatore del #GHRSummit21 dovrebbe sedersi al vostro tavolo? Quali strumenti e/o quali strategie potete offrire ad un’azienda che si rivolga a voi in questo ambito?
Al tavolo portiamo tecnologia e strumenti che offrono un’autentica, semplice ed inclusiva esperienza di collaborazione tra le persone
Oggi la tecnologia è partner della Funzione HR nel motivare le persone e nell’offrire loro un’esperienza di lavoro soddisfacente a livello personale e in linea con gli obiettivi di business. I processi e gli strumenti tecnologici sono al servizio dei team e dei Manager perché li supportano nell’adozione di modalità di lavoro flessibili, engaging, efficaci, semplici in una parola: smart.
Sedersi al nostro tavolo significa fare un’esperienza immersiva nel mondo della collaboration e dello smart working, significa fare un’esperienza umana.

Grazie per averci concesso questa intervista, ci vediamo al Global Summit.

Alessia De Albertis di FAR networks
6° Global Summit Human Resources
19 | 20 OTTOBRE 2022
ACCEDI QUI se sei registrato o ISCRIVITI